Amazon VS Ftc! La BBC vuole fare chiarezza

Il giudice ha ordinato ad Amazon di risarcire i genitori di quei bambini che hanno effettuato acquisti in-app su Amazon tra il 2011 ed il 2014, senza il loro consenso. Ha esordito così, qualche ora fa, l’articolo pubblicato dalla BBC (http://www.bbc.com/news/technology-37954308), riprendendo una notizia dello scorso aprile.                                                                                                                                                                   Vediamo brevemente cosa sta succedendo.

Mentre oggi la possibilità di acquisto in-app può essere disabilitata attraverso le opzioni di controllo, inizialmente non funzionava così. La Federal Trade Commition denuncia infatti che nel 2011 (quando fu lanciata l’opzione che permetteva di pagare per i contenuti extra) per i bambini fosse troppo semplice acquistare senza autorizzazioni, ad esempio mentre usavano una app o ci giocavano. Inoltre proprio nei giochi il layout del contesto free era estremamente simile a quello del contesto a pagamento, tanto che per un bambino risultava complicato distinguere tra i coins del gioco e i soldi reali.

app-amazu

Allora, in prima battuta la Federal Trade Commission (FTC) ha richiesto che la grande
public company di Seattle risarcisca per oltre 25 milioni di dollari i genitori di quei bambini, ma il giudice ha ritenuto che la cifra fosse esagerata. Allo stesso tempo però il giudice ha rifiutato l’offerta avanzata da Amazon, ovvero quella di un rimborso tramite “gift cards”.

Ad ogni modo nell’aprile di quest’anno è stato emesso contro Amazon l’ordine di rimborso. La BBC ha comunque contatto sia la Federal Trade Commission che Amazon per un loro commento sulla faccenda… cosa succederà!? staremo a vedere.

Gabriele Litti,                                                                                                                                       info: littis@hotmail.it

Contatti Social: Twitter    LinkedIn   Facebook